giovedì 31 gennaio 2013

Chiacchiere

Le chiacchiere sono un dolce tipico del Carnevale. Per la preparazione si utilizzano ingredienti semplici ed economici e, come risultato, si hanno dei dolcetti davvero deliziosi. Molto probabilmente, la tradizione di questo dolce risale sin dai tempi dell'Antica Roma. A seconda della regione e della città, le chiacchiere assumono nomi diversi: "bugie" a Genova, "frappe" nella zona di Roma, "galani" a Venezia, "rosoni" in Romagna, "guanti" a Caserta...per citare solo alcuni dei principali nomi...e da voi come vengono chiamate le chiacchiere? fatemi sapere...

 

Ingredienti per circa 35  chiacchiere
500 gr di farina
50 gr di burro
25 ml di liquore a piacere (io ho sostituito il liquore con 2 fialette all’aroma di arancia di pane degli angeli)
1 bustina di vanillina
Mezza bustina di lievito in polvere
3 uova
70 gr di zucchero
1 pizzico di sale
1 litro di olio di semi per friggere
Zucchero a velo q.b. (da cospargere sulle chiacchiere)
 

Procedimento
Su una spianatoia, disponiamo la farina a fontana e al centro mettiamo il burro, lo zucchero, le uova, la vanillina, il liquore, un pizzico di sale e il lievito.  Lavoriamo tutti gli ingredienti, aggiungendo un po’ di acqua, qualora fosse necessario, per amalgamare tutti gli ingredienti. 


 

Lavoriamo l’impasto e, una volta che abbiamo ottenuto una palla omogenea, laviamoci le mani e continuiamo a lavorare l’impasto, aggiungendo farina sulla spianatoia, per evitare che l’impasto si attacchi. Ottenuta una palla morbida ed elastica, avvolgiamola in una pellicola trasparente e lasciamo riposare in frigo per mezz’ora.



 

Ora dividiamo la pasta in 4 pannetti, schiacciamoli, infariniamoli e passiamoli uno ad uno nella macchina per pasta, utilizzando i rulli divaricati.






 Poi  ripieghiamo la pasta su se stessa, ristringiamo i rulli e passiamo di nuovo la pasta nella macchina, infarinando sempre la spianatoia e la pasta, per evitare che si attacchi.

Se non avete la macchina per pasta, potete stendere la sfoglia utilizzando il matterello.




A questo punto,  ricaviamo delle strisce servendoci della rotella tagliapizza (io ho ricavate delle strisce di 5 cm di larghezza e 10 di lunghezza, all’incirca, ma le misure sono facoltative). Incidiamo un taglietto centrale su ogni striscia. 




 Mettiamo a riscaldare, in una padella antiaderente, 1 litro di olio di semi e mettiamo a friggere 2/3 strisce alla volta, avendo cura di farle cuocere su ambo i lati. Quando saranno dorate, togliamole dall’olio e adagiamole su un piatto con carta assorbente. Procediamo in questo modo per tutte le strisce.




 Quando le chiacchiere saranno fredde, cospargiamole con abbondante zucchero a velo.



E ora...non ci resta che chiacchierare! :o)





2 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...